Vittoria Ribezzi (1940)

nata

___

il 29.9.1940 a Latiano (BR)

figlia di

Angelo (9.9.1902 - 31.10.1975)

e di Bianca D'Alonzo (15.10.1905 - 22.5.1985)

sposa

Vittorio Petrosillo (18.7.1936 - 6.7.2012)

titoli di studio lauree il Lettere classiche e in Psicologia
profilo

Vittoria Ribezzi è nata a Latiano (Brindisi), dove risiede.Ha compiuto gli studi umanistici presso il Liceo Classico V. Villa di Francavilla Fontana (Brindisi) e si è licenziata conseguendo il Premio di Studio Preside Vitaliano Bilotta per il miglior risultato nelle materie letterarie. Ha seguito a Roma un primo corso universitario presso La Sapienza e si è laureata in Lettere Classiche (1968) col massimo dei voti e lode; ha seguito successivamente un secondo corso universitario presso la stessa Università conseguendo la laurea in Psicologia (1981). Ha insegnato per 35 anni e ha lasciato la scuola nel momento in cui ha pensato di fondare insieme con il marito, dott. Vittorio Petrosillo, la Casa-Museo Ribezzi-Petrosillo istituzionalmente divenuta la Fondazione Ribezzi-Petrosillo (2003), della quale è presidente. Nella sua lunga attività di docente ha compiuto, con i suoi alunni e con collaboratori esterni, lavori di ricerca sulle tradizioni locali, la cultura contadina, il vernacolo che hanno dato vita alla collana Li Capuvierdi di dieci volumetti. Ha pubblicato per la Casa Editrice Congedo la Guida di Brindisi (1993) e, con il coautore Fulgenzio Clavica, la Guida di Francavilla Fontana (1995). Si dedica attivamente alla riscoperta di personalità locali del passato che si sono segnalate nel campo letterario, musicale e artistico in genere, promuovendo attività di ricerca e pubblicazioni e organizzando conferenze e concerti presso la sede della Fondazione. Ha curato la prefazione di numerose opere di cultura locale. Ha pubblicato nel 2008, per l'Editore Guida di Napoli il libro Scherzi d'Ingegno, la fonte segreta del pessimismo leopardiano.



Pubblicazioni - Album